Regione Veneto

Caso Sesa, il Comune di Sarego totalmente estraneo alla vicenda

Pubblicata il 15/06/2019

L'Assessore all'Ambiente Zambon: “Sesa segue l'ecocentro e non gestisce la raccolta e la destinazione dei rifiuti. Chiederemo comunque spiegazioni alla società”

Il Comune di Sarego è totalmente estraneo alle vicende che stanno occupando in questi giorni le cronache e che riguardano Sesa Spa, la Società Estense Servizi Ambientali, con sede a Este, finita nel mirino della Procura e della Guardia di Finanza di Padova dopo la clamorosa inchiesta giornalistica del sito Fanpage.it che ha evidenziato un presunto giro di attività illecite nel conferimento e nella gestione del compost di origine industriale

“Il nostro Comune non ha nulla a che fare con il caso Sesa, pur essendo Sesa la capofila dell'ATI (Associazione Temporanea di Imprese) che gestisce a Sarego il servizio rifiuti e che include le due società Sesa e Idealservice - precisa l'Assessore all'Ambiente Flavio Zambon -. Per Sarego la raccolta dei rifiuti è seguita da Idealservice, mentre Sesa segue lo spazzamento e la gestione dell'ecocentro. La destinazione dei rifiuti, da quando siamo usciti dalla partecipata Utilya, viene gestita direttamente dal nostro Ufficio Ambiente. Attualmente il nostro rifiuto organico va a finire nell'impianto di Asigliano, che nulla ha a che vedere con Sesa.”

“Tra l'altro - aggiunge Zambon nell'occasione -, quello di Asigliano è l'unico impianto del genere nel territorio del Bacino di cui facciamo parte. Bisognerà che la Regione e gli altri enti preposti provvedano a breve a prevedere altri impianti perché la gestione dell'umido comincia a diventare un problema.” 

“In ogni caso - conclude l'Assessore comunale all'Ambiente -, chiederemo spiegazioni a Sesa. Non vogliamo che rimanga una nube grigia su questo argomento, per una questione che ci vede comunque in rapporto con Sesa solo come capofila dell'ATI per il servizio rifiuti. Vogliamo che la trasparenza sia sempre garantita, anche se i fatti di cronaca recenti non ci riguardano direttamente. A breve avremo un incontro con Sesa, che era già in programma, per affrontare alcuni argomenti in sospeso e approfitteremo dell'occasione per avere chiarimenti.” 


Facebook Google+ Twitter
torna all'inizio del contenuto