Regione Veneto

EMERGENZA CLIMA, TEMPO SCADUTO

Pubblicata il 28/11/2019

Approvata dal Consiglio comunale la Dichiarazione di Stato di Emergenza Climatica e Ambientale

Il Consiglio comunale di Sarego, su proposta dell'Assessore all'Ambiente Flavio Zambon, ha approvato una delibera che istituisce la Dichiarazione dello Stato di Emergenza Climatica e Ambientale. Il documento ha preso spunto dall'iniziativa mondiale “Global Strike for Future” promossa dal movimento “Fridays for Future” e ispirata dall'attivista Greta Thunberg. 

Nel dichiarare simbolicamente lo Stato di Emergenza Climatica e Ambientale, l'atto riconosce alla lotta ai cambiamenti climatici “un ruolo prioritario nell'agenda dell'Amministrazione comunale, tenendo conto in ogni azione o iniziativa amministrativa degli effetti che questa comporta sul clima”. Impegna il Sindaco ad aderire al Patto dei Sindaci per il Clima e l'Energia e l'Amministrazione ad attenersi alle direttive dell'accordo di Parigi con particolare riguardo “agli investimenti volti a ridurre le emissioni di gas serra”. 

Tra le altre cose, impegna inoltre l'Amministrazione “ad informare, educare e orientare i cittadini verso modelli di consumo sostenibili” e “a predisporre un tavolo tecnico-politico finalizzato alla realizzazione di un Piano regionale sulle azioni da intraprendere per contrastare a livello locale le problematiche legate all'emergenza climatica”. 

“I cambiamenti climatici ormai sono sotto gli occhi di tutti afferma l'Assessore Zambon -. Ormai anche i più scettici hanno dovuto ammettere che la situazione è grave. Dopo un anno dalla devastante tempesta Vaia che ha distrutto chilometri di boschi nelle nostre montagne, abbiamo visto Venezia raggiungere livelli record di acqua alta con una violenza mai vista prima e il Po mettere paura in questi giorni alle comunità che vivono lungo i suoi argini. Altre situazioni estreme hanno coinvolto tutte le regioni italiane, dalla Liguria a tutto il sud. É ora di cambiare registro, dobbiamo fare il possibile per rallentare l'innalzamento delle temperature che porta a sconvolgimenti della natura e migrazioni di popoli, animali e vegetazione.” 

“Per questo motivo - aggiunge l'Assessore - riteniamo doveroso appoggiare con questa delibera le manifestazioni che hanno visto giovani di tutto il mondo protestare chiedendo ai governi di garantire loro un futuro diverso da quello che ci si presenta davanti e che fa paura.

La nostra Amministrazione sta portando avanti fin dal primo mandato azioni concrete per ridurre le emissioni e continueremo a farlo anche con la realizzazione del PAESC - Piano di Azione per l'Energia Sostenibile e il Clima che, una volta approvato, ci aiuterà a pianificare azioni mirate che coinvolgeranno anche cittadini ed imprese nel difficile compito che ci aspetta per ridurre le emissioni di gas serra del 40% entro il 2030. Ognuno deve fare la sua parte, il momento di agire è ora.”



 


Facebook Twitter
torna all'inizio del contenuto